Ristoranti » Lombardia » Trattoria La madia

Trattoria La madia

FacebookGoogle+PinterestTwitter

“Dietro al nostro cibo non ci sono marchi ma facce”: la filosofia enogastronomica di questa trattoria speciale dove i produttori sono considerati amici fidati da presentare al cliente.

“Dietro il nostro cibo non ci sono marchi ma facce” è una delle più belle frasi che mi sia mai capitato di sentire. Se verrete alla Madia potrete anche leggerla, perché i titolari, Michele Valotti e Silvia Peroni, l’hanno scritta sui muri con altri due concetti che, messi insieme, ben descrivono la filosofia enogastronomica di questa trattoria affacciata sullo splendido scenario naturale della Franciacorta: “un piatto non si giudica solo dalla sua bontà ma dalla storia che ci racconta” e “quando mangiate chiedetevi sempre da dove proviene e da chi è stato fatto”. Un modo di pensare che si traduce di scelte precise, non sempre facili, ma coerenti. “Quando abbiamo aperto, nel 1988, eravamo partiti con idee diverse, ma si cresce e in ventiquattro anni siamo cambiati, spero in meglio” afferma Silvia. Cambiare significa declinare insieme territorio, fantasia e prodotti, intessendo relazioni a maglia stretta con i piccoli produttori dei dintorni. E significa investire tempo e risorse per fare una cosa forse ancor più difficile che cambiare: comunicare. Non solo, comunicare con i clienti, spiegare loro la differenza tra una materia prima e l’altra, fornire nomi, cognomi e indirizzi di chi l’ha prodotta. Il menu è costruito con il 90% delle referenze locali, e il restante 10% da artigiani extraterritoriali: il risotto con Fatulì della Valsaviore, pancetta e verdure, la cipolla glassata con fonduta di Tombea, il controfiletto di cavallo con salsa alla Saba, l’Cuz, la pecora nata e allevata libera in Valcamonica, il tortino di zucca con salsa di amaretti e Agrì sono solo alcuni esempi delle pietanze al cui nome seguono sempre i riferimenti dei produttori, come Alberto Lazzari e Giovanni Forchini per i salumi, Artogne per i caprini, Paradello per i polli, e la lista continua con decine e decine di persone, facce, storie di lavoro e di passione. La stessa politica si applica alla carta dei vini: “Un centinaio di etichette, in prevalenza del territorio e qualche champagne e la scelta di aprire da quest’anno le porte al biodinamico. Ci sono anche referenze della Franciacorta, ma loro sono già grandi: in carta dedichiamo il giusto spazio per tutti”.

Lombardia

Brione (BS)

Dove

Trattoria La madia
Via Aquilini, 5
25060 Brione (BS)
Tel. 030 8940937
E-mail. info@trattorialamadia.it
http://www.trattorialamadia.it

Info pratiche

Coperti: 70 interni, 30 esterni.

Carte di credito: tutte tranne Diners.

Ferie: quindici giorni a febbraio, variabili estive.

Chiuso: lunedì e martedì.

Costo Medio: 35 euro.