Ristoranti » Emilia-Romagna » Trattoria Marianaza

Trattoria Marianaza

FacebookGoogle+PinterestTwitter

Generazioni di donne hanno conservato intatto il fascino di una delle ultime osterie di Faenza, dove ci si raccoglie ancora intorno al grande camino a scaldarsi l’animo e le membra.

Il territorio faentino fin dal Medioevo era punteggiato da locande e osterie che offrivano ristoro ai viandanti e qualche ora di svago leggero agli abitanti locali. Le tradizioni e le usanze che sono sbocciate in questi luoghi hanno attraversato il tempo, affascinando nell’Ottocento anche personaggi illustri che vi giungevano lungo la Via Emilia. La Marianaza è una delle poche osterie sopravvissute nel centro di Faenza: attorno al suo grande camino si son seduti a scaldarsi l’animo e le membra letterati del calibro di Giovanni Pascoli, Giacomo Leopardi e Giosuè Carducci; una targa istallata nel 1976 testimonia che lo storico e scrittore Alfredo Oriani, cliente abituale, qui scrisse nel 1890 parte del trattato “La lotta politica in Italia” pubblicato due anni dopo. Oggi la clientela assidua annovera professionisti e personaggi noti, affascinati, come allora, dal calore che si respira in questa piccola sala tutta di legno, complice non solo l’ancora presente camino dell’epoca, ma anche le signore che lo gestiscono, una generazione tutta al femminile che comincia nel 1969: “Fu mia nonna a prendere la gestione a quel tempo, conservando il nome dell’osteria, Marianaza, che era il nomignolo dell’ostessa che c’era alla fine dell’Ottocento. Poi le subentrò mia madre, Mariangela, che ancora oggi è in cucina insieme a mia sorella Luana, mentre io mi occupo della sala e della parte amministrativa” racconta Natascia Cucchi. Un team di ambasciatrici della tradizione, che hanno conservato il sapore della locanda ottocentesca ricordandone gli aneddoti sulle pareti, coperte da fotografie, ritagli di lettere e giornali dell’epoca. Tradizione che si ritrova anche nella cucina, basata soprattutto sui classici romagnoli e sulla carne alla griglia, cotta nel camino: tagliatelle, tortelloni e passatelli in brodo come primi, pancetta e pane abbrustolito, fegato di maiale, costolette di agnello ma anche baccalà e fiorentina di secondi, per finire con l’ottima zucca inglese e il superbo mascarpone. Il bianco e il nero sono il Trebbiano e il Sangiovese, altrimenti si va di Doc e Docg da scegliere tra oltre cento etichette.

Emilia-Romagna

Faenza (RA)

Dove

Trattoria Marianaza
Via torricelli, 21
48018 Faenza (RA)
Tel. 0546 681461
E-mail. marianaza@marianaza.it
http://www.marianaza.it

Info pratiche

Coperti: 45.

Carte di credito: tutte.

Ferie: ultima settimana di agosto e prima di settembre.

Chiuso: martedì e mercoledì in inverno, mercoledì e domenica in estate.

Costo Medio: 28 euro.