Ristoranti » Emilia-Romagna » Trattoria Entrà

Trattoria Entrà

FacebookGoogle+PinterestTwitter

Il rispetto verso anni di lavoro e verso chi quel lavoro glielo aveva garantito, a lui e a sua sorella Elvira: i suoi genitori prima, con la scelta di rilevare la trattoria nel 1969.

La trattoria della famiglia Previdi è stata tra quelle colpite dal terremoto e tra quelle a cui sono arrivate molte testimonianze di solidarietà. Sa farsi voler bene Antonio Previdi e la causa è la modestia e la caparbietà con cui affronta le cose. “Anni fa, quando ero ancora un ragazzo - racconta Antonio - veniva alla trattoria a salutarci il vecchio oste che l’aveva condotta per anni. Si chiamava Mario Baraldi, detto Mintin. Era stato in questi locali per trent’anni, dal 1937 al 1969. Non si stancava mai di ripetermi un consiglio, fondamentale in questo lavoro: prima degli altri impara a conoscere te stesso. L’ho fatto, e l’ho applicato a tutto, a cominciare dal vino e dal cibo. Prima di andare in giro per il mondo scopri cosa c’è intorno a te, mi sono detto”. La trattoria Entrà va avanti secondo i due grandi comandamenti che si sono dati i due Previdi, Antonio e la sorella Elvira: il primo è quello di fare una cucina tradizionale non rivisitata. Antonio batte su quel “non” e noi gliene siamo grati. Perché bisogna a tutti i costi modificare il buono di sapori e sostanza? “Da noi i piatti che hanno fatto la storia sono tutti in menu, a cominciare dalle classicissime tagliatelle al ragù fino alla faraona arrosto e alla zuppa inglese. La pasta è tirata a mano da mia sorella ogni mattina. Nei secondi siamo rimasti legati ai volatili, anche se ormai stanno scomparendo da molte tavole: germano arrosto, galletto alla cacciatora. I dolci sono l’espressione della tradizione più pura”. L’altro comandamento è il vino, a cui Antonio dedica una passione particolare che lo spinge alla ricerca in ogni momento libero. La sua è una carta seria, a cominciare dal ricarico che stupisce tanto è equilibrato. “La gente beve sempre meno, ricaricare in maniera esagerata lo trovo assurdo. Molto meglio disporre di una bottiglia con un giusto prezzo e di una carta dove, seppur le scelte sono molto personali, il mio cliente può trovare una buona rappresentanza del nostro patrimonio enologico, oltre ad alcune interessanti proposte francesi”.

Emilia-Romagna

Finale Emilia (MO)

Dove

Trattoria Entrà
Via Salde Entrà, 60
41034 Finale Emilia (MO)
Tel. 0535 97105
Cell. 328 9577871

Info pratiche

Coperti: 40 interni e 40 esterni.

Carte di credito: bancomat.

Ferie: seconda settimana di gennaio e ultime due di agosto.

Chiuso: lunedì e martedì, sempre a pranzo.

Costo Medio: 28 euro.